La Xylella torna a devastare la piana degli ulivi monumentali: infetti uno su tre

15 Ottobre 2020 | Ambiente

Nella piana degli Ulivi monumentali sono scomparsi 1/3 delle piante di ulivo a causa della Xylella, provocando una perdita economica e occupazionale dal valore inestimabile per il nostro Paese. Sono 136 le nuove piante di ulivo ad essere state contagiate dalla Xylella, situate tra le campagne di Monopoli, Fasano, Ostuni e Carovigno, nel barese in Puglia, a riportare il dato è la Coldiretti in occasione della raccolta delle olive a Monopoli.

La Xylella, batterio che colpisce le piane di ulivo, dal 2013 ad oggi ha devastato 8mila chilometri quadrati provocando un danno stimato di 1,6 miliardi ed è ancora incurabile rivela Coldiretti. Secondo le normative  europee per contrastare il batterio bisogna abbattere le piante in un raggio di 50 metri dalla pianta contagiata, un grande problema per la piana degli Ulivi che ha una forte densità con oltre 250 mila esemplari, di cui molti hanno una storia di 3000 anni.

FOCUS