La pandemia cambia il mondo del lavoro: le nuove professioni più richieste

26 Dicembre 2020 | Economia

Il Covid-19 ha accelerato la digitalizzazione della nostra economia, questo trend che proseguirà nel 2021. Le figure tech più ricercate dalle aziende il prossimo anno saranno i developermachine learning specialist e cloud architect. Le richieste maggiori di questi profili arrivano oltre che dal settore delle Tecnologie dell’informazione e della comunicazione, da quelli dei servizi, financial services, telecomunicazioni, pharma ed healthcare.

Per entrare più nello specifico, i developer si distinguono in front-end e back-end. I primi curano l’interfaccia del sito che dovrà garantire un’esperienza di visualizzazione fluida e funzionante, adottando tutte le tecniche utili per garantire il funzionamento del browser evitando intoppi.  Gli altri si occupano invece della struttura che non è visibile durante la navigazione lavorando sulla struttura di base che gli utenti non vedranno nel corso della loro navigazione. I linguaggi di programmazione server-side sono differenti rispetto a quelli lato client. Il full-stack developer invece, è uno sviluppatore che ha competenze sia lato front-end che back-end.

Il cloud architect si occupa di progettare e realizzare infrastrutture, ambienti e soluzioni cloud. Può anche essere definito un esperto di back-end in grado di scegliere le migliori soluzioni tecnologiche a fronte delle richieste di business. Infine, il machine learning specialist è un profilo che si pone a metà strada tra l’informatica e la statistica. Definisce le metodologie di raccolta e analisi dei dati, individuando algoritmi e soluzioni tecniche rispetto ai singoli progetti.

 

FOCUS